Ti trovi in:

Home » Territorio » Informazioni utili » Associazioni » Gruppo A. N. Alpini

Gruppo A. N. Alpini

di Martedì, 29 Aprile 2014 - Ultima modifica: Lunedì, 10 Novembre 2014

Il Gruppo alpini in congedo, A.N.A., e la sezione dell’Associazione Combattenti e Reduci, A.N.C.R., sono stati costituiti nell’agosto del 1969. 

Telefono
0463/432725
Referente
Paternoster Marcello
Ruolo del referente
Presidente
Scheda

Così ne parlò il quotidiano “Alto Adige” del 15 agosto 1969: 
“Alpini in congedo e combattenti e reduci hanno organizzato a Cagnò una bella cerimonia, in occasione della costituzione del gruppo locale dell’ A.N.A., presieduto dall’alpino Guido Mattevi, e della sezione A.N.C.R., di cui è presidente l’ex combattente Silvio Margonari, per la consegna dei gagliardetti. Di buon mattino sono affluite nell’ameno centro anaune numerose rappresentanze degli alpini, di combattenti e di reduci, rallegrate dalle note della fanfara dell’ A.N.A. di Trento, che raccoglieva grande successo tra la popolazione locale ed i turisti in villeggiatura. In corteo, alpini, ex combattenti ed autorità, tra cui il capo gabinetto del Commissariato del governo dott. Giustiniano de Pretis, l’assessore regionale comm. Pancheri, l’assessore provinciale dott. Margonari, il presidente provinciale dell’ A.N.A. rag. Taddei, il presidente provinciale della Federazione A.N.C.R. ten. col. Benacchio, nonché il sindaco di Cagnò, cav. Alessio de Pretis, attraversavano le vie del paese fino al piazzale dell'oratorio, dove il cappellano militare don Onorio Spada celebrava la Messa al campo. Il parrocco di Cagnò, don Luigi Fedrizzi, benediceva quindi i gagliardetti, madrine la signorina Vittoria Bolego e la signora Sandrina Preti, che venivano presi solennemente in consegna dai rispettivi alfieri. Dopo i discorsi commemorativi si riformava il corteo, che si recava fino al camposanto per deporre una corona d’alloro in memoria dei Caduti. Sulla piazza del paese la fanfara alpina faceva poi risuonare a lungo le proprie entusiasmanti marce, mentre funzionava a pieno regime una “farmacia alpina” con distribuzione di vino groppello e di birra, per quanti erano indotti dalla calda giornata di agosto a violare la tradizione. Un plauso ai giovani alpini locali, che con tanto entusiasmo e passione hanno saputo organizzare perfettamente cerimonia e gare di contorno, in una giornata che costituirà per quanti l’hanno vissuta, un caro ricordo”.

Ora il gruppo A.N.A. è presieduto da Marcello Paternoster.